Internet Trends 2016: tutto quello che devi sapere sulla rete

Internet Trends 2016 di Mary Meeker è una delle ricerche più attese dalla comunità hi-tech.

Internet Trends 2016, un’analisi molto accurata, supportata da una base di dati solida e dettagliata, è stato presentata in occasione dell’annuale Code Conference di ReCode, un evento in cui si riuniscono dei top influencers per discutere sull’impatto attuale e futuro della tecnologia.

Internet trends 2016

I dati inseriti nel documento testimoniano un grande cambiamento: evidentemente siamo nell’era dei big data e i cambiamenti avvenuti in appena un anno dall’ultimo report, sono stati moltissimi.

Partendo dalla base, il numero di internauti abituali continua a crescere, sfondando il muro dei 3 miliardi, ossia quasi il 40% della popolazione mondiale.

Pubblicità e mobile, pubblicità è mobile, almeno secondo i dati dell’ultimo report Internet trends 2016. Infatti la maggior parte della crescita viene proprio dagli ads mobile, fautori dei due terzi del +20% complessivo registrato negli Stati Uniti, dove la penetrazione degli smartphone e la maturità degli utenti è massima.

Si distingue non a caso Facebook (crescita annuale +59%), che registra ormai accessi da mobile più che da altri dispositivi, proprio nell’anno in cui gli utenti mobile superano per la prima volta quelli desktop, caposaldo di Google, che non a caso mostra risultati più modesti (+18%).

Di questa crescita continua beneficiano sicuramente le vendite dai canali online, arrivate al 10% del totale.

Il mobile mostra un gap di potenziale enorme: è ormai detentore del 25% del tempo speso tra tutti i media, ma destinatario solo del 12% degli investimenti pubblicitari.

Le parole volano, il testo rimane. Sull’onda di questo monito la generazione Y (gli attuali 20-30enni) preferisce comunicare con messaggi di testo, non solo tra loro, ma anche con aziende e negozi, piuttosto che telefonare.